Valutazione del progetto di prevenzione secondaria del carcinoma colon rettale e la sua incidenza familiare nelle provincie di Latina Rieti e Sassari

Nella sede della Sezione di Rieti della LILT (Lega italiana per la lotta contro i tumori) in via dei Salici 65, si è volta una riunione dal tema “Valutazione del progetto di prevenzione secondaria del carcinoma colon rettale e la sua incidenza familiare nelle provincie di Latina Rieti e Sassari

Erano presenti  i componenti il direttivo reatino presidente dott. Enrico Zepponi,  vicepresidente Flavio Fosso, consigliere Marcella Della Penna, dott. Alessandro Rossi, presidente LILT Latina, dott. Nicola Sinnona responsabile Servizio endoscopia dell’Ospedale di Latina, il dott. Mauro Tosoni responsabile U.O. gastroenterologia dell’OPG, il dott. Francesco Stipa Primario di Chirurgia oncologica dell’OPG.

Il progetto, di cui il dr. Rossi è stato il maggior promotore prende il via nel 2005, e nel 2013 grazie all’impegno finanziario delle Sezioni  LILT di Latina e Rieti  dei Rotary Club delle due città, dell’ALCLI di Rieti, viene acquistato un Colonscopio di ultima generazione dato in comodato all’Ospedale reatino.

“Nel corso degli anni, unitamente al dott. Sinnona abbiamo dovuto superare notevoli difficoltà – ha detto il dott. Rossi – superate quando finalmente grazie a Lilt Rotaty e Alcli siamo riusciti ad acquistare il colonscopio. Ed ora ci conforta l’elevata casistica raggiunta”.

Successivamente sono intervenuti i dottori Sinnona, Tosoni e Stipa, ognuno dei quali ha dato, per la propria parte, sostanza alla riunione.

Il dottor Zepponi ha tratto le conclusioni, dichiarando come iniziative del genere faranno aprire sempre di più il sistema pubblico alle proposte che vengono dal volontariato che, mai come in questo caso, ha dimostrato la sua importanza.

Lo studio nei prossimi mesi verrà presentato all’opinione pubblica e pubblicato in una importante rivista medica.

Lilt Rieti – Corso avanzato di cucina – secondo incontro

Il 23 febbraio 2017 gran parte degli iscritti al corso avanzato di cucina si sono cimentati nella realizzazione di una cena completa costituita da due primi, due secondi e un dolce.

La lezione pratica si è svolta in una delle cucine dell'Istituto Professionale di Stato Servizi per l'Enogastronomia e l'Ospitalità Alberghiera di Rieti con la guida del prof. Daniele Cardellini e con l'aiuto di alcuni ragazzi dell'istituto.

La lezione pratica si è conclusa In un clima di festosità e tutti hanno potuto assaggiare quanto realizzato.

Lilt Rieti – Corso avanzato di cucina – primo incontro

Il 22 febbraio, presso la sede della LILT, sezione provinciale di Rieti, in via Dei Salici 65, si è tenuto il primo incontro del corso di cucina nel quadro del programma “Alimentazione e Tumori” giunto alla quinta edizione. Si è trattato, in questa occasione, della parte teorica  tenuta dal presidente della Lilt dr. Enrico Zepponi,  dalla prof.ssa Isabella  Piperno, dal Prof. Vincenzo Mattei e dal Dott. Basilio Battisti, Direttore del reparto di Medicina Interna 2 - Diabetologia dell'Ospedale San Camillo de' Lellis di Rieti.

Hanno partecipato, molto interessati alle tematiche trattate, tutti gli iscritti al corso.

 

4 febbraio – Giornata mondiale contro il cancro promossa dall’Unione Internazionale Contro il Cancro (UICC)

Oggi 4 febbraio – dice il presidente della Lilt ( Lega italiana per la lotta contro i tumori ) Enrico Zepponi - viene  celebrata la Giornata mondiale contro il cancro promossa dall’Unione Internazionale Contro il Cancro (UICC), che rappresenta associazioni impegnate contro la malattia in oltre 100 Paesi, e sostenuta dall’Organizzazione mondiale della Sanità.

Il motto di questa edizione è: “We can. I can” (Noi possiamo. Io posso) infatti è possibile combattere il cancro con la prevenzione, tutti possono prendere parte alla battaglia contro il cancro e solo attraverso una compatta mobilitazione civile si può vincere quello che un tempo era chiamato male incurabile.

Oggi il cancro è sempre di più una malattia cronica con cui si convive e dalla quale si può guarire. Il tasso di guaribilità è passato dal 40% del 2000 al 61% attuale (con punte del 90% per il cancro al seno ed alla prostata) ed in Italia il tasso di sopravvivenza è il più alto d’ Europa perché il nostro sistema sanitario, pur tra mille difficoltà, funziona. Tuttavia si può fare meglio e di più sul fronte della prevenzione infatti il 30-40% dei casi di tumore potrebbe essere evitato adottando sani stili di vita.

Prevenire è vivere  secondo il sempre più attuale motto della LILT.

“Alimentazione e Tumori” – Corso avanzato di cucina

Nei locali dell’Istituto Alberghiero Antonelli Costaggini, di via Salaria 1 (Casa del Contadino) si terrà  il Corso avanzato di cucina organizzato da questa sezione provinciale della LILT, nel quadro del programma “Alimentazione e Tumori” giunto alla quinta edizione.

La parte teorica sarà tenuta dal presidente della Lilt dr. Enrico Zepponi,  dalla prof.ssa Isabella  Piperno, e dal Prof. Vincenzo Mattei,  la parte pratica, dal prof. Daniele Cardellini.

Esso tende ad educare le abitudini alimentari e gli stili di vita secondo regole finalizzate alla prevenzione dell’insorgenza dei tumori.

Programma del Corso Avanzato

  • Mercoledì 22 febbraio lezione teorica dalle 15 alle 18 presso la sede LILT - Via dei Salici, 65
  • Giovedì 23 febbraio, giovedì 2 e 9 marzo lezioni pratiche ( dalle 14,30 alle 17,30) presso i locali dell’Istituto Alberghiero di Via Salaria 1

Dono di un televisore al reparto d Medicina interna 2 dell’Ospedale San Camillo De Lellis

Nella mattinata di ieri, 1 febbraio 2017, il presidente della Lilt (Lega italiana per la lotta contro i tumori) dott. Enrico Zepponi accompagnato dal vice presidente Flavio Fosso e dal socio Franco Scipioni ha proceduta alla consegna al reparto di Medicina interna 2, dell’Ospedale San Camillo De Lellis, di un televisore da utilizzare nel salottino dell’ala donne.

La consegna è avvenuta alla presenza della dottoressa Laura Figorilli, direttore generale ASL, del Primario dott. Basilio Battisti, della dott.ssa Maria Grazia Pipitone, coordinatrice infermieristica dello stesso reparto.

Qualche tempo fa fu le stesso dott. Battisti a chiedere alla Lilt, vista la stretta collaborazione tra l’associazione di volontariato e la  l’ASL di risolvere un piccolo-grande problema conseguente alla rottura di un televisore posto a servizio di  malati  anche oncologici  e familiari degli stessi nel salotto del reparto necessario per consentire loro qualche momento di relax. Pronta la risposta positiva della Lilt che  ha consentito l’acquisto e la consegna di quanto richiesto.

“La collaborazione della ASL con la LILT – ha commentato la dott.ssa Figorilli – non è una novità. Ma sono lieta che si rinnovi in ogni occasione possibile”

“Ringrazio la LILT e nome di tutto il reparto, dei degenti e dei loro familiari – ha detto il dott. Battisti – per aver aderito alla nostra richiesta volta a fornire un servizio sempre più completo a favore di coloro che vivono direttamente o indirettamente la malattia”:

A sua volta il dott. Zepponi ha assicurato sempre maggior collaborazione con  la ASL.

“Unire servizio pubblico e volontariato – ha detto – è indispensabile per il bene della collettività.

Carta dei servizi LILT – Relazione programmatica 2017

La LILT Rieti offre le seguenti prestazioni gratuite di prevenzione a favore dei soci :

  • Prevenzione dei tumori della mammella: mammografia, in collaborazione con la ASL, nella fascia di età compresa tra i 50 e 69 anni
  • Prevenzione del melanoma: mappatura dei nei; Ambulatorio itinerante nei centri della Provincia
  • Prevenzione del tumore della prostata: dosaggio PSA presso Laboratorio IGEA;Ambulatorio itinerante nei centri della Provincia
  • Nell’Ambulatorio della Solidarietà nella sede della LILT Rieti aperto anche ai non soci si effettuano visite per la prevenzione delle affezioni:

Del cavo orale: visite ORL

Della sfera genitale femminile: visite ginecologiche  e pap-test

Dell’apparato uro-genitale: visite urologiche

Dell’apparato digerente :visite gastroenterologiche

E consulenze in Malattie infettive e Pediatria.

Per appuntamenti ed informazioni telefonare in sede (0746 205577) lunedì, mercoledì e venerdì mattina.

Il costo della tessera di iscrizione valida una anno è di € 10

Relazione programmatica anno 2017

Cari soci,

come certamente sapete, nel corso del 2016 è stato attivato l’Ambulatorio della Solidarietà – Spazio Prevenzione presso la sede di Via dei Salici in cui operano attualmente medici volontari specialisti in Ginecologia  (Prof. Felice Patacchiola), ORL (Dr. Alberto Castellani), Urologia  (Dr. Piero De Carli) e Gastroenterologia (Dr Mauro Tosoni). Ecco nel dettaglio le nostre iniziative

Il  programma di prevenzione del melanoma, che prevede la mappatura dei nei, è attivo in Sabina, con l’originale esperimento di Ambulatorio Itinerante, e si avvale dei dermatologi volontari Dr.ssa Rosaria Fidanza, Dr. Antonello Pace e Dr.ssa Monica Rauco.

Riteniamo che portare lo specialista vicino al posto di residenza dei pazienti sia un modo di venire incontro alle esigenze di chi, vivendo in periferia, avrebbe difficoltà a recarsi nel capoluogo ed a fare prevenzione.

Tutto questo è possibile grazie alla preziosa collaborazione della Delegazione Sabina con sede in Cantalupo dove presto attiveremo un Ambulatorio per dare risposte alle esigenze di quel territorio.

Oltre alla dermatologia abbiamo esteso, quest’anno,  l’attività anche alle visite di  prevenzione in otorinolaringoiatria in Sabina ed a Rivodutri.

Nel corso del 2017 amplieremo e miglioreremo l’offerta con altri specialisti volontari.

Il Programma  “Alimentazione e Tumori”organizzato in collaborazione con l’Istituto Alberghiero Antonelli Costaggini, prevederà nell’immediato un corso avanzato (lezione teorica il 14 febbraio e le lezioni pratiche il 15, 22 febbraio e 1 marzo);a breve daremo alle stampe il volume “Cucinare in salute” preparato dai prof. Daniele cardellini e Isabella Piperno.

Il Programma “Prevenzione tumore della prostata” prevede, oltre la visita specialistica, anche il dosaggio del PSA, presso  il Laboratorio Analisi “Igea” anche con la formula dell’Ambulatorio Itinerante.

Lo Spettacolo teatrale “Un’impresa scalcinata”, il 23 febbraio, la Settimana nazionale prevenzione oncologica a marzo, la Settimana dell’euromelanoma a maggio (in collaborazione con la Prof.ssa M.Concetta Fargnoli dell’Università dell’Aquila),l’ Ottobre rosa, il Novembre con i baffi ci vedranno protagonisti durante tutto il 2017.

In primavera inoltrata infine, per decisione del Coordinatore Regionale Dr. Alfredo Cecconi, la manifestazione degli Stati Generali Regionali dei Malati di Tumore del Lazio, si terrà nel reatino invece che a Frosinone e vedrà la partecipazione oltre che delle  sezioni LILT delle provincie laziali anche di quelle delle zone limitrofe colpite dal terremoto.

La manifestazione sarà propedeutica ad una serie di iniziative volte a fare prevenzione nell’alta valle del Velino così straziata dal terremoto.

Rieti, 20 gennaio 2017

 

 

 

 

 

 

Lilt, un successo la cena di beneficenza

“Se la cena sociale di beneficenza è stato un punto esclamativo per la nostra associazione, debbo sottolineare il fatto che intanto l’attività continua intensa sia in sede con l’Ambulatorio della Solidarietà, sia nei Centri della provincia con l’Ambulatorio itinerante. Ed infatti in questi giorni hanno operato i dottori Piero De Carli e Mauro Tosoni, mentre la dottoressa Monica Rauco sarà sabato prossimo a Selci”. Così esordisce il presidente della Lilt (Lega italiana per la lotta contro i tumori) Enrico Zepponi evidentemente soddisfatto per la massiccia presenza di soci e sostenitori alla Cena Sociale di Beneficenza.

“Ho l’obbligo, ma soprattutto il piacere, di ringraziare i tanti che hanno partecipato. Tra tutti non posso dimenticare il saluto del Sindaco Simone Petrangeli, la presenza del Direttore Generale Asl dr.ssa Laura Figorilli, della dirigente scolastica IPPSEOA, prof. Alessandra Onofri, di alcuni primari dell’Ospedale. dott. Basilio Battisti, dott. Riccardo Mezzoprete, dell’assessore Vincenzo Di Fazio. Voglio sottolineare in questa sede l’impegno dei i medici volontari che operano nelle nostre strutture: Felice Patacchiola, Monica Rauco, Alberto Castellani, Piero De Carli, Maria Concetta Fargnoli, Sandro Boschetto e anche coloro che per vari motivi non hanno potuto essere presenti, Mauro Tosoni e Antonello Pace, nonché il responsabile dell’Igea dr. Matteo Muzzi. La nostra attività – prosegue Zepponi – non si svolge in solitudine, ma in collaborazione con le associazioni del Volontariato. Ho visto quindi con grande piacere la presenza di Santina Proietti dell’Alcli,  Maurizio De Marco di Libera, Aldo La Fiandra dell’Avis, Gianpietro Spadoni del Camper Club, Gianni Boncompagni del Capricorno Club. Conclusa la festa ora di nuovo e come sempre tutti al lavoro”.

Va ricordato che Lilt Rieti attualmente opera nei seguenti settori prevenzione tumore della mammella, del melanoma, della prostata. Nell’ambulatorio della Solidarietà si effettuano visite ORL, ginecologiche, dell’apparato uro-genitale, dell’apparato digerente nonché consulenze in malattie infettive e pediatria.

 

Incontro vertici della Sezione di Rieti della LILT e rappresentanti Amministrazioni della Sabina

Nell’aula consiliare del Comune di Cantalupo si è svolta un’importante riunione tra i vertici della Sezione di Rieti della LILT (Lega italiana per la lotta contro i tumori) ed i rappresentanti delle Amministrazioni della Sabina allo scopo di rinnovare la collaborazione già in essere da oltre due anni  ed iniziata con la nascita della Delegazione Sabina della LILT.

Il Comune di Cantalupo, come ha spiegato il sindaco Paolo Rinalduzzi, si è posto come capofila delll’iniziativa ospitando la sede della Delegazione al cui vertice è il dr. Luciano Fabrizi dipendente delle stessa amministrazione, e ponendo a disposizione della LILT altre strutture necessarie per ospitare l’Ambulatorio itinerante.

Alla riunione hanno partecipato per la LILT  il presidente Enrico Zepponi,  il vice presidente Flavio Fosso. Luciano Fabrizi presidente Delegazione Sabina, mentre le Amministrazioni erano rappresentate da Miranda Glandarelli sindaco di Tarano, Silvana Forniti sindaco di Mompeo, Filma Di Troilo Segretario comunale della Convenzione Comuni della Sabina, Cinzia Corsi, consigliere comunale di Stimigliano delegata alle politiche sociali e pari opportunità, Michela Enei consigliere comunale di Tarano delegata per le politiche sociali, Loredana Biagioni vice sindaco di Cantalupo, Eliana Mancini consigliere comunale di Selci delegata politiche sociali, Lella Caporali assessore alle politiche sociali del Comune di Roccantica,

I lavori sono stati aperti da Luciano Fabrizi - che partecipò nel 1992 alla fondazione della LILT di Rieti -  il quale ha riassunto i risultati ottenuti nei due anni trascorsi con centinaia di mammografie effettuate, visite contro il melanoma della pelle, trasportando a spese dei Comuni i cittadini a Rieti, e le tantissime visite effettuate nelle varie sedi predisposte  dai Comuni  che hanno ospitato l’Ambulatorio itinerante della Lilt.

Successivamente il presidente Zepponi ha illustrato le iniziative in essere, e quelle che verranno, come l’ambulatorio ginecologico itinerante che troverà sede nell’Ostello di Cantalupo; la maggiore collaborazione con l’Asl reatina per mammografie e prevenzione del melanoma. Il presidente, dopo aver illustrato le iniziative che saranno portate avanti nel 1917 ha riconosciuto come la Delegazione Sabina e le varie amministrazioni abbiano contribuito in modo decisivo all’ampliamento delle attività di prevenzione della LILT.

Successivamente il vice sindaco di Cantalupo Loredana Biagioni ha parlato del progetto “Non solo Rosa”, da essa ideato e realizzato dal Comune di Cantalupo con il Patrocinio del Consiglio Regionale del Lazio e la collaborazione della Lilt Rieti sottolineando i risultati raggiunti ed i programmi futuri. Successivamente si è svolto un ampio dibattito improntato all’esame dei programmi in corso  di realizzazione.

Infine da sottolineare che nella serata di venerdì 20 alle ore 20,  soci, sostenitori e amici della LILT di Rieti si riuniranno per l’annuale Cena sociale che avrà come sede il ristorante "Da Valerio a Santa Rufina.

CENA SOCIALE DI BENEFICENZA 2017

Venerdì 20 gennaio 2017 si terrà, alle ore 20.00, presso il ristorane "Da Valerio" a S. Rufina, una cena sociale di beneficienza.

Per aderire sarà sufficiente rivolgersi ai numeri indicati nell'allegata locandina.

locandina-cena-sociale_3b